fbpx

 

All’inizio di questo mese, WhatsApp ha rilasciato una nuova politica sulla privacy insieme ad un ultimatum: accettare questi nuovi termini, o cancellare WhatsApp dal tuo smartphone. Ma la nuova politica sulla privacy non era particolarmente chiara, ed è stata ampiamente mal interpretata, nel senso che WhatsApp avrebbe condiviso dati personali più sensibili con la sua società madre Facebook.

Non sorprende che abbia provocato una feroce reazione, con molti utenti che hanno minacciato di smettere di usare il servizio. WhatsApp ha presto rilasciato un chiarimento, spiegando che la nuova politica, riguarda solo il modo in cui gli account degli utenti interagiscono con le aziende (cioè non con i loro amici) e non impone alcuna nuova raccolta di dati. L’app di messaggistica ha anche ritardato l’introduzione della politica di tre mesi. Fondamentalmente, WhatsApp ha detto che la nuova politica non influisce sul contenuto delle tue chat, che rimangono protette dalla crittografia end-to-end, il “gold standard” di sicurezza, cioè che nessuno può vedere il contenuto dei messaggi, nemmeno WhatsApp, Facebook o le autorità.

Ma il danno era già stato fatto. I tentativi di comunicazione pasticciati hanno aumentato la consapevolezza che WhatsApp raccoglie molti dati, e alcuni di questi potrebbero essere condivisi con Facebook. La BBC ha riportato che Signal è stato scaricato 246.000 volte in tutto il mondo nella settimana prima che WhatsApp annunciasse il cambiamento al 4 gennaio, e 8,8 milioni di volte la settimana dopo. Più dati profilano, più mettono a rischio le persone in posizioni vulnerabili.

WhatsApp condivide alcuni dati con Facebook, compresi i numeri di telefono e il nome del profilo, ma questo accade da anni. WhatsApp ha dichiarato che nel Regno Unito e nell’UE l’aggiornamento non condivide ulteriori dati con Facebook, a causa della rigida regolamentazione sulla privacy, nota come l’aggiornamento generale del regolamento sulla protezione dei dati (GDPR).

L’app di messaggistica non raccoglie più il contenuto delle tue chat, ma raccoglie i metadati allegati ad esse : come il mittente, l’ora in cui un messaggio è stato inviato e a chi è stato inviato. Questo può essere condiviso con “le aziende di Facebook”. L’etica della raccolta dati di Facebook, molto criticata, ha eroso la fiducia nel social network. Le sue pratiche possono mettere a rischio le persone vulnerabili, dice Emily Overton, un esperto di protezione dei dati e direttore generale di RMGirl. Lei cita l’esempio dell’algoritmo “persone che potresti conoscere” di Facebook, che espone i veri nomi dei lavoratori e il sesso dei loro clienti, nonostante entrambe le parti si prendano cura di creare identità false. “Più dati profilano, più mettono a rischio le persone in posizioni vulnerabili”. E il social network non è noto per mantenere le promesse.

Quando Facebook ha acquistato WhatsApp nel 2014, aveva promesso di mantenere i due servizi separati. Eppure, solo pochi anni dopo, Facebook ha annunciato di voler integrare i sistemi di messaggistica di Facebook, Instagram e WhatsApp. Questo sembra essersi arenato a causa di difficoltà tecniche e normative intorno alla crittografia, ma è ancora il piano a lungo termine.

Quindi adesso entra in gioco un altro quesito : perché la gente sceglie Signal, invece di Telegram? Signal, un’app di messaggistica sicura, raccomandata da autorità come la Electronic Frontier Foundation e Edward Snowden, è stato il principale beneficiario dell’esodo di WhatsApp. Un’altra app di messaggistica, Telegram, ha anche sperimentato un aumento dei download, ma Signal, è stato in cima alle classifiche negli app store di Apple e Android. Signal beneficia di essere l’app più simile a WhatsApp in termini di caratteristiche, mentre Telegram ha avuto problemi come app di messaggistica sicura e privata, con la sua funzione di localizzazione dal vivo recentemente finita sotto tiro per violazioni della privacy.

Fondamentalmente, Telegram non è crittografato non il metodo end-to-end per impostazione predefinita, ma memorizza i dati nel cloud. Signal, invece è crittografato end-to-end, raccoglie meno dati di Telegram e memorizza i messaggi sul tuo dispositivo piuttosto che nel cloud.

Signal ha tutte le funzioni a cui sono abituato e perché è più privato? Questa è una domanda che ci poniamo molto spesso, e la risposta è : Sì, Signal ha la maggior parte delle funzioni a cui sei abituato su WhatsApp, come gli adesivi e gli emoji. È possibile impostare e nominare gruppi, ed è facile inviare un messaggio: basta portare il segno della penna nell’angolo destro. Signal si concentra sulla privacy e non ha alcun desiderio di analizzare, condividere o trarre profitto dalle informazioni private degli utenti.

Inoltre, Signal ha un’app per il desktop, e si può chattare vocalmente e fare videochiamate con un massimo di otto persone. Come WhatsApp, Signal utilizza il tuo numero di telefono come identità, qualcosa che ha preoccupato alcuni sostenitori della privacy e della sicurezza.

Tuttavia, l’azienda ha introdotto i codici pin, nella speranza di passare a un modo più sicuro e privato di identificare gli utenti in futuro. Oltre ad essere criptati end-to-end, sia WhatsApp che Signal hanno una funzione di “scomparsa dei messaggi” per una maggiore privacy. La differenza principale è come ogni app è finanziata. WhatsApp è di proprietà di Facebook, il cui modello di business è basato sulla pubblicità. Signal è incentrato sulla privacy e non ha alcun desiderio di analizzare, condividere o trarre profitto dalle informazioni private degli utenti, dice Jake Moore, specialista di cybersecurity di ESET. Signal è sostenuto dalla Fondazione Signal senza scopo di lucro, istituita nel 2018 dal fondatore di WhatsApp: Brian Acton e dal ricercatore di sicurezza (e CEO di Signal Messenger) Moxie Marlinspike, che ha creato un protocollo di crittografia che viene utilizzato da diversi servizi di messaggistica, tra cui WhatsApp e Skype, nonché dallo stesso Signal.

Acton, che ha lasciato Facebook nel 2017 dopo aver espresso preoccupazioni su come la società ha operato, ha donato un iniziale 50 milioni di dollari a Signal, e l’app open-source è ora finanziata dalla comunità. Essenzialmente questo significa che gli sviluppatori di tutto il mondo lavoreranno continuamente su di essa e correggeranno i problemi di sicurezza come parte di uno sforzo collaborativo, rendendo l’app probabilmente più sicura. Ma ci sono preoccupazioni sul fatto che Signal possa mantenere questo modello gratuito man mano che la sua base di utenti aumenta a decine, o potenzialmente in futuro, centinaia di milioni. Signal è convinto di poter continuare ad offrire il suo servizio gratuitamente. “Come non-profit, abbiamo semplicemente bisogno di andare in pareggio”, dice Aruna Harder, il COO dell’app. Signal è sostenuto esclusivamente da sovvenzioni e donazioni, dice Acton. “Crediamo che milioni di persone apprezzino la privacy abbastanza da sostenerla, e siamo qui per dimostrare che esiste un’alternativa ai modelli di business basati sulla pubblicità che sfruttano la privacy degli utenti”.

Come si fa a convincere i gruppi WhatsApp a passare a Signal ? Sembra che lo slancio verso l’abbandono di WhatsApp stia crescendo, e potresti scoprire che molti dei tuoi amici sono già passati a Signal. Ma convincere un gruppo di contatti più grande, può essere più impegnativo. Overton usa Signal da diversi anni e dice che tutti i suoi contatti regolari usano l’app. “Anche quando esco con qualcuno, chiedo alla persona con cui voglio uscire di scaricare Signal, altrimenti non avrà il mio numero”.

Alcuni sostenitori di Signal hanno già iniziato a migrare i loro gruppi da WhatsApp. Jim Creese, un esperto di sicurezza, sta spostando un gruppo di testo del suo quartiere di 100 persone su Signal. Sta iniziando con un sottogruppo più piccolo di 20 persone, alcune delle quali hanno difficoltà con la tecnologia. Creese dice che la maggior parte è ambivalente sul passaggio “purché il nuovo metodo non sia più difficile”. Ora gli utenti di WhatsApp sono davvero clienti di Facebook ed è sempre più difficile dimenticarlo.

Alex Hernl, infine consiglia a chiunque stia spostando gruppi da un’app all’altra, di concentrarsi prima sul “perché”. “Spiegate le ragioni del cambiamento, come è probabile che li influenzerà e i benefici. Non affrettare il processo. Anche se WhatsApp potrebbe non essere l’app dove vorresti essere oggi, non c’è nessuna emergenza che richieda uno spostamento immediato”. Moore pensa che il passaggio da WhatsApp, continuerà a guadagnare slancio, ma dice che ci vorrà del tempo per spostare tutti dall’altra parte. Fino ad allora, è probabile che sarà necessario mantenere sia WhatsApp che Signal sul proprio telefono. Moore è in procinto di spostare una chat di famiglia su Signal, per la seconda volta. “Quando ho provato inizialmente, un membro della famiglia non ha capito le mie preoccupazioni e ha pensato che fossi troppo cauto. “Tuttavia, le recenti notizie lo hanno aiutato a capire i potenziali problemi e perché spostarsi non è una cattiva idea. Il prossimo ostacolo sarà convincere mia madre a scaricare una nuova app e usarla per la prima volta senza che io la assista fisicamente”.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: