fbpx

 

Tánaiste Leo Varadkar ha scritto a quattro delle più grandi aziende di tecnologia del mondo chiedendo loro il perché e come potrebbero affrontare raduni illegali e come si è allargata la diffusione di disinformazione durante la pandemia. Il signor Varadkar ha inviato lettere a Facebook, Twitter, Google e TikTok sulla scia delle violente proteste nelle strade di Dublino all’inizio di quest’anno. Riferendo che gli eventi furono “chiaramente pianificati ” usando le piattaforme dei social media e i servizi di messaggistica privata e che è quindi rimasto “sconvolto” da ciò che successe. Il Tánaiste ribatte dicendo che: questo comportamento da parte di “pochi egoisti” ha minato i sacrifici che milioni di irlandesi hanno fatto durante l’anno precedente. Ha intimato di essere un “forte sostenitore della libertà di parola”, ma che questo è stato un “conglomerato ben organizzato di gruppi anti-maschera, anti-vaccino e anti-lockdown” che usano la tecnologia per organizzarsi.

In risposta al Tánaiste, Facebook riferisce che anch’esso era “inorridito” dalla violenza e che apprezzava profondamente gli sforzi dei gardaí, degli operatori sanitari e di altri lavoratori in prima linea. Il gigante dei social media ha detto che un’indagine interna ha avuto luogo dopo la protesta, portando alla rimozione di 20 gruppi Facebook, 15 pagine e due profili Instagram. Questo è stato fatto dove i gruppi, le pagine o i profili avevano “ripetutamente condiviso informazioni dannose e sfatato affermazioni su Covid-19 o vaccini“. In una lettera di risposta, Google ha detto che ha preso le questioni nella lettera del Tánaiste “molto seriamente”. Tuttavia, puntualizza che i suoi servizi non erano “attualmente noti per essere favoritiper la gestione di proteste o eventi illegali in Irlanda. Ed ha concluso : “Non ci è stato notificato che i nostri servizi sono stati utilizzati allo scopo di organizzare le recenti proteste a Dublino”. Google ha anche detto che si è impegnata a rimuovere dalle sue piattaforme i contenuti e la disinformazione di Covid-19 che hanno causato danni agli utenti. L’azienda ha anche offerto di eseguire una discussione e un workshop per il Tánaiste e il suo team su come gestisce i contenuti dannosi.

Infine, nella lettera del Tánaiste, la creazione di un nuovo commissario per la sicurezza online è stata anche segnalata per ridurre la “diffusione di contenuti illegali e potenzialmente dannosi“. Varadkar aggiunge che il governo vuole misure di “takedown” che siano tempestive ed efficaci e un modo per aggiungere ulteriori categorie di contenuti dannosi. In risposta a ciò, Facebook ha detto di essere preoccupato per i ritardi nel passaggio della legislazione che disciplina l’attività online e il possibile “conflitto” con le direttive dell’Unione europea. Facebook riferisce che il governo dovrebbe considerare la priorità e l’accelerazione dell’attuazione della direttiva dell’UE sui servizi dei media audiovisivi. E hanno anche suggerito che il governo dovrebbe considerare di “mettere in pausa le misure nazionali di sicurezza online” per garantire che sia la legge irlandese che quella dell’UE siano allineate. Google ha anche lui concluso dicendo di essere favorevole alla legislazione e che sta continuando ad impegnarsi con il governo per aiutare a progredire. Lasciando come raccomandazione : “Ottenere la giusta legislazione sarà cruciale per affrontare i contenuti online dannosi in futuro e non vediamo l’ora che sia adottata rapidamente”. Invitato a commentare le loro registrazioni, un portavoce del signor Varadkar ha confermato che il : Dipartimento del Turismo, Cultura, Arti, Gaeltacht, Sport e Media, leader indiscussi sulle nuove leggi sulla sicurezza online, dovrebbero essere indirizzate tutte ad esso.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: