fbpx

 

Gli americani danno più importanza a ciò che sentiamo di sapere piuttosto che ai fatti reali? Uno studio recentemente pubblicato da un professore di studi di comunicazione della New Mexico State University, mostra l’influenza dei social media sull’impegno pubblico e ribalta la credenza tradizionale sulla partecipazione degli elettori. Lo studio indica una maggiore partecipazione politica da parte degli elettori disinformati, considerati il “lato oscuro” della partecipazione politica. Trova che gli elettori disinformati possono impegnarsi attivamente in politica pensando di saperne abbastanza di politica e di attualità. Sangwon Lee, assistente professore nel dipartimento di studi di comunicazione della NMSU, è l’autore principale di un documento pubblicato nel numero di settembre della rivista Human Communication Research, intitolato “Ripensare l’ipotesi del circolo virtuoso sui social media: Subjective versus Objective Knowledge and Political Participation”.

“Per molto tempo, gli studiosi hanno postulato che il consumo di notizie informa le persone sulla politica, che successivamente porta alla partecipazione politica”, ha detto Lee. “Ma, in questo articolo, abbiamo scoperto che un tale ‘circolo virtuoso’ non regge più nell’attuale ambiente dei social media. Piuttosto, il consumo di notizie attraverso i social media tende a creare un ‘senso di essere informati’, piuttosto che essere effettivamente informati, che guida la partecipazione politica. In altre parole, è ‘un’illusione di conoscenza’ che guida la partecipazione politica”. Lo studio di Lee ha attinto ai dati di un sondaggio nazionale di oltre 1.500 persone condotto durante le elezioni di midterm degli Stati Uniti del 2018 dalla società di sondaggi Dynata. La società ha selezionato i partecipanti al sondaggio in base a sesso, età, istruzione e reddito per imitare da vicino la popolazione generale degli Stati Uniti.

Le domande includevano la frequenza con cui usavano varie piattaforme di social media come Facebook, Twitter, Snapchat, Google +, YouTube, Instagram, Reddit e LinkedIn, per ottenere le loro notizie. È stato anche chiesto loro di utilizzare fonti tradizionali come giornali nazionali e locali, radio e trasmissioni televisive per ottenere informazioni sulle notizie. I ricercatori hanno misurato le conoscenze oggettive dei soggetti ponendo una serie di domande politiche fattuali, poi è stato chiesto loro quanto pensano di essere informati sulla politica. Inoltre, sono stati interrogati sul loro grado di partecipazione ad attività politiche che vanno da raduni, boicottaggi o eventi di raccolta fondi, a partecipare a riunioni pubbliche o contattare funzionari pubblici. “La borsa di studio esistente ha sempre trattato la partecipazione politica come una cosa buona e importante per una democrazia funzionante”, ha detto Lee.

“La partecipazione politica può non essere sempre una buona cosa, come evidenziato dall’insurrezione del 6 gennaio. Il nostro studio implica che l’azione politica può anche essere guidata da informazioni imprecise”. I legislatori statali in tutti gli Stati Uniti stanno riconsiderando i compromessi della tecnologia di riconoscimento facciale tra i diritti civili e le preoccupazioni razziali. Varianti della tecnologia di riconoscimento facciale sono state utilizzate, anche da persone comuni, per aiutare a identificare coloro che hanno preso parte all’insurrezione mortale al Campidoglio.

Gli algoritmi dei social media contribuiscono anche alla camera d’eco dei social media che può rafforzare le opinioni attualmente detenute, creando l’impressione che una persona sia ben informata. Un altro fattore che contribuisce a questa sensazione di essere informati è il concetto di “Percezione che le notizie mi trovano”, in cui le persone non si preoccupano di cercare attivamente altri tipi di informazioni sulle notizie perché sono già inondate di notizie dai loro feed dei social media. La gente crede di poter rimanere informata attraverso questi tipi di esposizione. Lee esorta il pubblico a diversificare il loro approccio alle informazioni sulle notizie, includendo il maggior numero possibile di fonti di notizie, compresi i media tradizionali, i media online e i social media. “Uno dei motivi per cui i risultati del mio studio sono importanti è che le persone devono essere consapevoli che più consumano notizie dai soli social media, più è probabile che siano meno informati”, ha detto Lee. “Se consumano tutte le loro notizie tramite i social media, sono più vulnerabili ad agire sulla disinformazione”.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: