fbpx

 

TikTok ha deciso di verificare nuovamente l’età di ogni utente, e bloccare l’accesso agli utenti che dichiarano di avere meno di 13 anni, ha detto oggi l’agenzia di protezione dei dati del nostro paese. Il social network di condivisione video, ha confermato che dal 9 febbraio ogni utente in Italia dovrà passare di nuovo attraverso il suo processo di verifica dell’età, e solo agli utenti di età pari o superiore a 13 anni saranno sarà possibile continuare a utilizzare l’applicazione.

Gli account di coloro che dicono di avere meno di 13 anni saranno cancellati. La mossa di richiedere a tutti gli utenti in Italia di passare attraverso il processo di verifica dell’età, segue un ordine di emergenza emanato dal GPDP, il 22 gennaio, dopo la morte di una bambina di 10 anni di Palermo, morta per asfissia dopo aver partecipato a una “sfida di blackout” su chi riusciva a legarsi la cintura al collo per più tempo, sul social network, secondo quanto riportato dai media locali.

A TikTok è stato dato un termine: il 29 gennaio, per rispondere all’ordine del GPDP. Oggi l’agenzia ha confermato le misure che TikTok ha accettato di prendere. Oltre a chiedere a tutti gli utenti del paese di reinserire la loro data di nascita per continuare a utilizzare l’app , il GPDP ha detto che TikTok “considererà l’implementazione di sistemi basati sull’AI, per la verifica dell’età”. Inoltre, ha aggiunto che monitorerà l’efficacia del processo di verifica dell’età di TikTok in modo continuativo . La verifica di base dell’età che TikTok conduce quando gli utenti si iscrivono, però è un po’ elementare… richiede semplicemente, di inserire una data di nascita, quindi è molto facile da aggirare. Ma è anche chiaro che la verifica dell’età online rimane un problema difficile. Controlli di identità robusti per determinare l’età al di là di ogni dubbio, minacciano uno scenario da “mazza per rompere una noce”, potenzialmente limitando l’accesso al servizio in un modo che è ingiusto e rischiando di danneggiare l’anonimato e la privacy online, con potenziali impatti a catena su altre considerazioni, come la libertà di espressione e la sicurezza dei dati.

Dall’altra parte, ci sono crescenti preoccupazioni pubbliche sul fatto che gli utenti minorenni siano esposti a contenuti inappropriati e persino dannosi online. Perciò TikTok ha tempo fino a venerdì per rispondere all’ordine di bloccare gli utenti che non possono verificare l’età, dopo quanto è accaduto, sul fatto della morte della ragazza, come detto sopra.

Il principale supervisore dei dati di TikTok nell’Unione europea, è : il Data Protection Commission (DPC) irlandese, e il regolamento generale sulla protezione dei dati dell’UE (GDPR), include una disposizione che consente alle DPA nazionali di adottare interventi di emergenza per proteggere gli utenti, che è il percorso che la GPDP ha usato qui. “Al fine di identificare gli utenti sotto i 13 anni con ragionevole certezza, dopo questo controllo iniziale, la società si è impegnata a considerare ulteriormente l’implementazione di sistemi basati sull’AI”, ha detto oggi, l’agenzia. “Poiché l’implementazione di tali sistemi richiede di bilanciare la necessità di una verifica accurata con il diritto, sui bambini, alla protezione dei dati, l’azienda si è impegnata ad avviare un dialogo con la commissione irlandese, per la protezione dei dati (DPC), sull’uso dell’AI per la verifica dell’età”.

Dopo una lunga riunione , la commissione irlandese per la protezione dei dati, ha riferito a TechCrunch: “La DPC si sta impegnando con TikTok per rivedere, nel contesto del trattamento dei dati personali, le misure attuate dalla società per garantire, che abbia mezzi efficaci per identificare gli utenti e i bambini sulla piattaforma e, più in generale, le misure e le protezioni per proteggere gli utenti più vulnerabili, in termini di rischi derivanti dal trattamento dei loro dati personali”.

Resta quindi da vedere se il regolatore spingerà ancora, per controlli di età più forti . In un altro cambiamento innescato dall’intervento del GPDP, TikTok ha implementato un pulsante in-App, per consentire agli utenti di segnalare “rapidamente e facilmente” altri utenti che possono sembrare avere meno di 13 anni. Per TikTok, queste segnalazioni vengono esaminate dai moderatori e “rimosse se necessario”. “Tutte le misure sopra citate, integrano quelle già in atto”, ha detto il GPDP, aggiungendo: “TikTok si è impegnata a raddoppiare anche il numero di moderatori italiani, per contenuti della piattaforma”.

Commentando in un comunicato, Alexandra Evans, responsabile della sicurezza dei bambini su TikTok, ha aggiunto: “Mantenere le persone su TikTok al sicuro è la nostra massima priorità . Abbiamo raggiunto un accordo con il garante e oggi, stiamo facendo ulteriori passi per sostenere la nostra comunità in Italia. Dal 9 febbraio, invieremo di nuovo ogni utente in Italia, di verificare, attraverso il nostro processo di controllo dell’età e solo gli utenti dai 13 anni in su, potranno continuare ad usare l’app dopo aver superato questo processo. Stiamo anche introducendo un nuovo pulsante di segnalazione in-app dedicato per consentire agli utenti di segnalare un account che ritengono possa avere meno di 13 anni, che sarà poi esaminato dal nostro team e rimosso se necessario, come già detto all’inizio dell’articolo.

“Non c’è un traguardo quando si tratta di proteggere i nostri utenti, soprattutto i più giovani, e il nostro lavoro in questo importante settore non si ferma. Ecco perché continuiamo a investire nelle persone, nei processi e nelle tecnologie, che aiutano a mantenere la nostra comunità uno spazio sicuro per l’espressione positiva e creativa.”

La riedizione del controllo dell’età di TikTok in Italia, sarà anche accompagnata da una campagna informativa locale in cui TikTok punterà a sensibilizzare genitori e bambini sul controllo dell’età e su altre caratteristiche relative alla sicurezza dei bambini, sia attraverso la sua app che nei media.

“Una campagna informativa sarà lanciata da TikTok a partire dal 4 febbraio sia tramite l’app che attraverso altri canali. L’azienda invierà avvisi push agli utenti sull’app prima di bloccare il loro accesso e li informerà sulla necessità di inserire la loro età. Verranno anche pubblicati banner contenenti link per informazioni sugli strumenti di sicurezza e su come cambiare le impostazioni del profilo da “pubblico” a “privato”. La campagna di informazione sia via web che attraverso la stampa, sarà indirizzata ai genitori e la soglia di età per la registrazione sarà specificamente evidenziata, tra le altre cose”, ha detto il GPDP.

L’agenzia inoltre, ha notato che TikTok ha accettato di migliorare la formulazione della breve nota sulla privacy destinata agli utenti di età inferiore ai 18 anni, creata : “per spiegare quali dati vengono raccolti e come questi dati vengono elaborati in modo facilmente comprensibile e orientato all’utente”. Oltre all’imminente campagna informativa di TikTok, il GPDP sta lanciando una propria campagna di sensibilizzazione sulla sicurezza dei bambini, sui canali televisivi nazionali, in collaborazione con un ente di beneficenza per la protezione dei bambini, chiamato : Telefono Azzurro, dicendo che questa, sarà rivolta ai genitori per incoraggiarli a supervisionare l’uso dell’app da parte dei loro figli. “La campagna ha lo scopo di invitare i genitori a supervisionare attivamente e a prestare particolare attenzione alle situazioni in cui, ai loro figli viene richiesto di inserire la loro età per accedere a TikTok”, per evitare il proseguo di tragedie inaccettabili, causate dalla distrazione, che al tempo d’oggi, dove è tutto informatico, non si riesce più a notare la differenza con la realtà.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: