fbpx

 

Più della metà dei crimini sessuali infantili online in un anno hanno avuto luogo su app di proprietà di Facebook, secondo i dati del NSPCC, mentre l’ente di beneficenza ha chiesto di far di più per affrontare l’abuso nella messaggistica privata. Facebook ha precedentemente rivelato i piani per rendere la messaggistica nelle sue applicazioni, tra cui Instagram e Facebook Messenger, criptata end-to-end come un altro dei suoi servizi, WhatsApp, al fine di aumentare la privacy degli utenti.  La crittografia end-to-end è la pratica di proteggere le comunicazioni da tutti, tranne i partecipanti, comprese le piattaforme che ospitano la conversazione.

L’ente di beneficenza per i bambini ha sostenuto che queste ultime cifre, raccolte attraverso richieste di libertà di informazione alle forze di polizia, mostrano che i piani di crittografia di Facebook, lasceranno i bambini in un rischio maggiore e ha accusato il gigante dei social media di “portare indietro l’orologio sulla sicurezza dei bambini”. L’NSPCC ha detto che i dati che ha ricevuto hanno mostrato 9.477 casi di reati sessuali o di immagini indecenti contro i bambini e sono stati registrati dalla polizia tra ottobre 2019 e settembre 2020 in cui la piattaforma di comunicazione era nota, con il 52 per cento che ha avuto luogo su app di proprietà di Facebook.

Le cifre hanno mostrato che Instagram è stato utilizzato più di qualsiasi altra piattaforma di Facebook in più di un terzo dei casi, davanti a Facebook Messenger e WhatsApp. I dati sono stati raccolti da 35 forze di polizia in Inghilterra, Galles e Isole del Canale. L’NSPCC ha sostenuto che se Facebook dovesse andare avanti con i suoi piani di crittografia, molti di questi reati potrebbero non essere denunciati in futuro, a meno che non vengano messe in atto nuove misure di salvaguardia. Di conseguenza, l’associazione ha esortato il governo britannico a rafforzare i poteri del prossimo Online Safety Bill per consentire a Ofcom, il regolatore proposto, di agire contro le aziende di social media le cui scelte di progettazione potrebbero mettere a rischio i bambini.

Sostiene che anche se la crittografia end-to-end offre una serie di vantaggi, tra cui una migliore privacy, ostacolerà la capacità delle piattaforme e delle forze dell’ordine di identificare e interrompere gli abusi sui bambini. “Facebook sta volentieri riportando indietro l’orologio sulla sicurezza dei bambini, spingendo avanti con la crittografia end-to-end, nonostante i ripetuti avvertimenti che le loro applicazioni faciliteranno gli abusi più gravi più spesso”, ha detto Andy Burrows, capo della politica di sicurezza dei bambini online al NSPCC. “Questo sottolinea esattamente perché, ( il segretario alla cultura) Oliver Dowden, deve introdurre una vera pietra miliare nella legge sulla sicurezza online che si assicuri che la protezione dei bambini non sia più una scelta per le aziende tecnologiche e reimposti gli standard del settore a favore dei bambini. “Se la legislazione deve produrre un cambiamento significativo, deve essere rafforzata per affrontare con decisione l’abuso nella messaggistica privata, una delle più grandi minacce per i bambini online”. Il mese scorso, un alto funzionario della National Crime Agency, ha detto che il piano di crittografia di Facebook “pone una minaccia esistenziale alla protezione dei bambini”.

In risposta alla ricerca, un portavoce della società Facebook ha detto: “Lo sfruttamento dei minori non ha posto sulle nostre piattaforme e continueremo a guidare il settore nello sviluppo di nuovi modi per prevenire, rilevare e rispondere agli abusi”. “Per esempio, la scorsa settimana abbiamo annunciato nuove funzioni di sicurezza su Instagram, tra cui impedire agli adulti di inviare messaggi ai minori di 18 anni che non li seguono”. “La crittografia end-to-end è già la principale tecnologia di sicurezza utilizzata da molti servizi per mantenere le persone, compresi i bambini, al sicuro dalla violazione e dal furto delle loro informazioni private. La sua completa diffusione sui nostri servizi di messaggistica è un progetto a lungo termine e stiamo costruendo forti misure di sicurezza nei nostri piani”.

In risposta al suo ultimo rapporto e guardando all’Online Safety Bill, l’NSPCC ha detto che stava chiedendo al governo di spostare l’onere sulle aziende tecnologiche per dimostrare che stavano identificando e mitigando il rischio nei prodotti prima di distribuirli, piuttosto che fare affidamento sul regolatore per dimostrare il rischio. Chiedeva anche che il regolatore avesse il potere di costringere le aziende ad agire prima che il danno si sia verificato, piuttosto che dopo, e di essere in grado di considerare le decisioni di progettazione che potrebbero essere considerate rischiose per gli utenti. Un portavoce del governo ha detto: “Il nostro progetto di legge sulla sicurezza online, introdurrà misure leader a livello mondiale per proteggere i bambini e garantire che non ci sia uno spazio sicuro per i pedofili per nascondersi sui social media. “L’onere ricadrà esclusivamente sulle aziende di social media, per dimostrare che stanno facendo tutto il possibile per mantenere i bambini al sicuro e non saranno in grado di utilizzare la crittografia come una scusa.

La crittografia end-to-end rischia di accecare sia le aziende di social media che le forze dell’ordine per questi crimini terribili e le aziende tecnologiche devono mettere la sicurezza pubblica al centro dei loro progetti di sistema o affrontare pesanti multe”. Facebook ha recentemente annunciato le sue caratteristiche di sicurezza migliorate per Instagram, intorno agli utenti adolescenti, limitando la capacità degli adulti di contattare gli adolescenti che non li seguono sulla piattaforma.  La gamma di nuove misure introdotte vedrà anche Instagram inviare avvisi di sicurezza agli utenti di età inferiore ai 18 anni per incoraggiarli ad essere cauti nelle conversazioni con gli adulti a cui sono già connessi, ma che possono aver esibito un comportamento potenzialmente sospetto, come l’invio di una grande quantità di richieste di amicizia o messaggi agli utenti adolescenti.

Instagram ha detto che renderà anche più difficile per gli adulti trovare e seguire gli adolescenti sul sito, limitando gli account adolescenti dall’apparire nella sezione “Utenti suggeriti” e nascondendo i contenuti degli utenti adolescenti in entrambe le sezioni “Reels” ed “Explore”. Gli utenti più giovani sono anche incoraggiati a rendere i loro account privati, mentre Instagram, ha riferito che stava sviluppando una nuova intelligenza artificiale e una tecnologia di apprendimento automatico per aiutarlo a identificare meglio la vera età degli utenti più giovani dopo aver riconosciuto che alcuni giovani stavano mentendo sulla loro età per accedere alla piattaforma.

I termini di servizio del sito di proprietà di Facebook richiedono che tutti gli utenti abbiano almeno 13 anni per avere un account. Tuttavia, allo stesso tempo, aumentando la sicurezza per gli utenti adolescenti oltre l’età legale consentita dal sito, questa settimana si è anche saputo pubblicamente che Facebook sta progettando una nuova versione di Instagram specificamente rivolta al mercato degli under 13. Scrivendo su una bacheca di dipendenti giovedì, Vishal Shah, vice presidente del prodotto di Instagram, ha detto di essere “entusiasta” della prospettiva e che Instagram avrebbe “costruito un nuovo pilastro giovanile all’interno del Community Product Group”, tra cui “costruire una versione di Instagram che permette alle persone sotto i 13 anni di utilizzare Instagram in modo sicuro per la prima volta”.

Secondo il post interno, il lavoro sarebbe supervisionato da Adam Mosseri, capo di Instagram, e guidato da Pavni Diwanji, un vice presidente che è entrato nella società madre Facebook nel mese di dicembre. Diwanji ha lavorato in precedenza a Google, dove ha supervisionato prodotti per bambini come YouTube Kids. Facebook offre già una versione orientata ai bambini di un aspetto della sua app di punta dei social media, chiamata Messenger Kids, progettata per i bambini tra i sei e i 12 anni. Un recente studio in Australia sull’uso di internet da parte degli adolescenti, pubblicato dal commissario australiano per la eSafety a febbraio, ha scoperto che il 57 per cento degli adolescenti australiani usa Instagram, con il 30 per cento che riferisce di essere stato contattato da un estraneo, mentre il 20 per cento ha riferito di aver ricevuto contenuti inappropriati indesiderati sui siti di social media che hanno usato.

Commentando una versione di Instagram controllata dai genitori per i “tweenagers”, Cindy White, CMO della società di identificazione digitale Mitek, ha detto: “La sicurezza online dei bambini ha bisogno di evolversi e tutti noi abbiamo un ruolo da svolgere: genitori, insegnanti e certamente i social network che i nostri figli amano. I bambini sotto i 13 anni non pensano al furto delle loro identità. Piuttosto, la loro attenzione è sulle identità che possono creare attraverso questi mezzi sociali. I bambini si ostineranno a chiedere ai loro genitori se possono iscriversi alle app dei social media perché è una moneta sociale e un abilitatore digitale di popolarità (teoricamente). “Gli impostori capiscono cosa è necessario per ottenere le informazioni che desiderano dai loro obiettivi. Semplici comportamenti di diverse fasce demografiche sono facili da imitare e, soprattutto nei bambini, questo può facilmente passare inosservato”. I dettagli del Javelin Identity Fraud Study del 2021, rivelano che i truffatori prenderanno di mira la generazione Z usando gli strumenti dei social media e i messaggi che più li attraggono. Questo include le richieste di “amicizia” sui social, i DM, il supporto tecnico e i pagamenti P2P.

Anche se Facebook sostiene che il servizio deve essere “gestito dai genitori”, sappiamo che i bambini troveranno i mezzi per accedere ai loro account senza la supervisione degli adulti. I truffatori si aspettano questo e faranno una strategia di conseguenza.  Incoraggiamo i genitori ad assumere un ruolo attivo nel fornire un feedback alla piattaforma di social media, sulle misure di sicurezza in atto per proteggere i bambini. “Poiché i bambini passano più tempo online e non sono consapevoli della loro vulnerabilità, aiutare a proteggere l’identità online di vostro figlio può iniziare con una semplice educazione. Iniziare presto aiuta a stare davanti ai truffatori e costruire buone pratiche di protezione dell’identità nella vita quotidiana dei vostri figli quando sono giovani, li prepara a navigare in sicurezza, in ambienti più sofisticati negli anni a venire.”

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: