fbpx

 

A meno che non abbiate vissuto off-grid nella galassia di Andromeda, negli ultimi mesi, avrete sentito parlare di Clubhouse, l’app di chat audio dal vivo lanciata nell’aprile 2020 e ancora in beta privata, accessibile solo su invito. Ciononostante, è già stata valutata circa 1 miliardo di dollari. Clubhouse è stata creata da due amici che si conoscono dal 2011, che avevano preso le loro strade ma si erano sempre occupati di app e social network, ricongiungendosi nel 2019 per sviluppare Clubhouse. L’hanno lanciata a marzo dell’anno pandemico, e due mesi dopo, nonostante fosse in beta privata e in isolamento (o grazie ad esso), se ne parlava negli ambienti della Silicon Valley.

Nel gennaio 2021, è passato a un sistema di soli inviti che gli ha permesso di espandere ulteriormente la sua base di utenti, e quelli di noi con un account lì, hanno iniziato ad assistere alla solita sfilata di contatti familiari che si uniscono ad esso. L’applicazione ha iniziato a sperimentare una forte trazione, raggiungendo il suo picco il 31 gennaio alle 22 , quando Elon Musk (che sostiene, che fino a una settimana prima non ne aveva mai sentito parlare), ha creato un profilo, ha annunciato la sua presenza attraverso il suo account Twitter, e ha trascorso un bel po’ di tempo parlando di una vasta gamma di argomenti e ricevendo domande aperte.

Nonostante l’ora tarda e il fatto che fosse una domenica , la presenza di Elon divenne, come previsto, una potente calamita : Clubhouse ha permesso alla prima chat room di superare il suo limite di 5.000 persone, ha reso possibile l’apertura di diverse altre stanze secondarie che si sono presto riempite, con alcuni fan che hanno anche trasmesso la chat su YouTube. Come funziona Clubhouse? Molto semplice: chat vocali di gruppo dal vivo e non filtrate. Gli utenti possono aprire una stanza, promuoverla come vogliono, all’interno di Clubhouse o altrove, e impostare una conversazione sull’argomento che vogliono, con gli ospiti che vogliono ammettere . Da quel momento in poi, inizia la conversazione.

A fronte delle prime critiche dovute alla sua mancanza di moderazione, l’app è cresciuta fino a due milioni di utenti, e grazie alle conversazioni virtuali con celebrità come Drake, Kevin Hart, Tiffany Haddish e ora Elon Musk, la sua popolarità è aumentata notevolmente. Ora, Clubhouse ci permette di ricordare quei momenti a cui eravamo abituati quasi dieci anni fa, quando il panorama dei social network era ancora aperto e vedevamo apparire nuove applicazioni ogni tanto. Le conversazioni sono destinate ad essere effimere: se non eri lì, le hai perse. Tuttavia, chiunque può registrarle e trasformarle in podcast (non mancano le piattaforme di podcasting in questi giorni), usate per altro materiale, o semplicemente lasciate sparire nell’etere.

Come la radio dal vivo, ma organizzata in una stanza virtuale, con i partecipanti che entrano tramite i loro smartphone, un moderatore che offre loro di parlare, li lascia come pubblico o addirittura nomina altri moderatori, e completamente gratuito. In futuro, i piani dei suoi creatori sembrano puntare a un modello di business basato su pagamenti in abbonamento , con i suoi creatori di contenuti più popolari in grado di guadagnare grazie all’uso della piattaforma, molto nello stile di app come Medium. L’idea non potrebbe essere più semplice. In questo momento, se si accede, si trova di tutto, da persone che raccontano barzellette, interviste, thread tematici e, naturalmente, molte meta-conversazioni sul presente e sul futuro di Clubhouse.

Alcune aziende stanno iniziando a fare un tentativo per intrattenere conversazioni su se stesse o sulle loro offerte. Ma le idee, per quanto semplici possano sembrare, non devono solo essere messe in pratica: devono essere fatte bene. E per il momento, Clubhouse ha già raggiunto quella prima importantissima fase di trazione che così spesso determina se un’app ha un futuro. Per il momento, tutto va bene, e sembra che stabilirà una base crescente di utenti.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: