fbpx

 

Un controverso disegno di legge che reprime le politiche di moderazione sui social media, a cui il governatore ha posto il veto, sta tornando. Il senatore Mike McKell, R-Spanish Fork, ha confermato a FOX 13 di aver aperto un file di legge nella legislatura dello Stato dello Utah per riportarla indietro. Nel suo cuore, la legislazione richiede che le aziende di social media come Twitter e Facebook siano più chiare sulle loro politiche di moderazione dei commenti e dei post. “Penso che ci siano contenuti che non dovrebbero essere su Facebook, e penso anche che ci siano contenuti che non dovrebbero essere neanche su Twitter”, ha detto il senatore McKell. “Ma penso che sia giusto per i consumatori avere un’aspettativa su quale sia la politica di Facebook e Twitter in anticipo”. Il disegno di legge originale è passato nella legislatura dello Stato dello Utah all’inizio di quest’anno, ma è stato posto il veto dal governatore Spencer Cox. 

Pur riconoscendo le preoccupazioni per la “parzialità” dei social media, il governatore aveva anche preoccupazioni per le sfide legali del Primo Emendamento. Il senatore McKell ha detto di considerarlo un “veto amichevole” e ha promesso di continuare a lavorare sulla legislazione. “Il disegno di legge che avevo non limitava alcun tipo di contenuto, era semplicemente una politica di trasparenza”, ha detto il senatore McKell a FOX 13. “Richiedeva alle aziende di social media di essere oneste sulle loro pratiche di moderazione ed era un appello alle aziende di social media ad essere giuste nell’applicazione delle loro politiche”.

Ma il disegno di legge originale ha anche richiesto alle aziende di social media di notificare ai consumatori quando sono stati banditi e il perché, ed ha permesso a qualcuno di fare ricorso, e infine ha anche creato un modo per i consumatori dell’Utah danneggiati, di presentare reclami allo stato contro le aziende tecnologiche.

James Czerniawski del Libertas Institute, un gruppo politico di orientamento libertario, ha detto che un certo numero di stati sta perseguendo questi tipi di leggi dopo l’allontanamento del presidente Trump dai social media e una percezione di pregiudizio contro i conservatori. “I dati che conosciamo in questo momento mostrano che i conservatori sono alcuni dei migliori performer sui siti web dei social media e la realtà è che questa questione politica è straordinariamente complicata anche da spiegare”, ha concluso. L’Istituto Libertas si è opposto al disegno di legge e ha avvertito che tale legislazione potrebbe alla fine ritorcersi contro. “Se si chiede ad una società di social media di moderare in modo coerente ed equo e di elencare tutte le politiche per cui toglieranno il contenuto , mettendo la responsabilità tutta su di loro, opteranno per la soluzione che limita la loro responsabilità come meglio possono”, ha detto Czerniawski.

“Questo significa meno discorso per voi, per me, per tutti. Questa è stata una delle cose migliori di internet: ha dato voce a chi non ha voce”. Il senatore McKell ha riferito che: “ la situazione del presidente Trump che viene cacciato dai social media” , non è il suo principale motivo per poter agire sulla legislazione, e ha sottolineato che sia i repubblicani che i democratici hanno sollevato preoccupazioni sulla Sezione 230, la legge federale che si occupa di immunità per le piattaforme tecnologiche che ospitano il discorso di terzi. Inoltre il senatore afferma la preferenza di lasciare la responsabilità dello svolgimento al congresso, invece di occuparsene di prima persona, ma promette che la sua legge avrebbe portato avanti la questione nello Utah. “Non credo che ci sia equità nel modo in cui le politiche di moderazione sono state applicate”, riafferma il senatore McKell. Il disegno di legge sarà ascoltato dalla legislatura nei prossimi mesi, potenzialmente tornando per un voto nella sessione del 2022.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: