fbpx

 

Un adolescente è stato ucciso a ovest di Canberra nel settembre dello scorso anno, con la polizia che sostiene che la discussione è iniziata online… La polizia dice che è iniziato con una raffica di messaggi aggressivi sui social media tra due gruppi di adolescenti di Canberra. Si è conclusa con una rissa feroce che ha lasciato un 18enne morto e un adolescente gravemente ferito. Gli esperti di sicurezza informatica avvertono che i social media stanno cambiando il modo in cui gli adolescenti interagiscono tra loro, e quindi continua a spiegare che è impossibile impedire che le discussioni sui social media vadano fuori controllo.

Lo scontro mortale al Weston Creek Skate Park di Canberra nel mese di settembre è solo un esempio di ciò che gli esperti di sicurezza informatica temono sia una tendenza emergente, dove le dispute online si riversano nella violenza del mondo reale.

Gli psicologi credono che gli scontri si siano sviluppati da cambiamenti fondamentali nel modo in cui gli adolescenti interagiscono, e la polizia teme che siano diventati sempre più difficili da prevenire. Basta vedere gli eventi accaduti: un giovane morto, un adolescente accusato di omicidio, un’ambulanza a Dillon Close a Weston Creek dove due uomini sono stati accoltellati a settembre….

In una gelida mattina di settembre dell’anno scorso nella capitale , la polizia è stata chiamata per un accoltellamento in uno skate park di periferia, dove ha trovato due giovani gravemente feriti. Solo uno è sopravvissuto. Entrambi erano le presunte vittime di un violento scontro che coinvolgeva fino a otto persone, la maggior parte delle quali erano adolescenti. Tra il gruppo c’era un ragazzo di 16 anni, che ora è accusato di omicidio. Esattamente come e perché una vita….” La “ vita di un adolescente, è stata presa ed è stata contestata in tribunale, ma la polizia riferisce che tutto fosse iniziato con una discussione online. Gli esperti dicono che gli adolescenti spesso si incontrano nei parchi e nei luoghi tranquilli , per regolare i conti in sospeso dei social media, nel mondo reale.

Il commissario per la sicurezza Julie Inman Grant spiega che gli scontri alimentati dai social media stanno diventando troppo comuni. “Sempre più spesso vediamo che gruppi di persone, compresi gli adolescenti, si incontrano online attraverso i social media o le chat, un conflitto potrebbe sorgere, si intensifica molto rapidamente perché è tutto via testo”, dice la signora Inman Grant. “Poi, quando avviene il contatto faccia a faccia, quel fattore di umanizzazione o quell’effetto di disinibizione che ha permesso l’escalation online non si dissipa. “Quindi, si incontrano faccia a faccia ad un alto livello di tensione, e questo è lo scenario peggiore in termini di ciò che è successo a Canberra”.

Parliamo adesso dei bambini che mancano di interazione faccia a faccia ….La psicologa infantile Brianna Thomas ha spiegato che non è sorprendente che gli incontri possano diventare violenti, date le caratteristiche di dipendenza dei social media e la vulnerabilità dei giovani. “I lobi frontali dei giovani non sono sviluppati fino alla metà dei 20 anni e possono essere molto impulsivi quando agiscono per qualcosa che sentono fortemente”, ha detto la signora Thomas. Gli esperti di sicurezza informatica hanno anche detto che gli adolescenti che passano troppo tempo online rischiano di diminuire la loro intelligenza emotiva e la consapevolezza della situazione. Il cyber watchdog dice che come la tecnologia cambia, così fa il modo in cui interagiamo e ci sono serie preoccupazioni che generazioni di bambini stanno crescendo senza la capacità di comunicare faccia a faccia.

Gli esperti di sicurezza informatica dicono che l’uso prolungato dei social media sta cambiando il modo in cui gli adolescenti interagiscono tra loro.  “Non stai raccogliendo spunti verbali, spunti fisici e linguaggio del corpo”, ha detto la signora Inman Grant. “I giovani non conoscono un mondo senza internet e non fanno distinzione tra il mondo online e quello offline. Se si desse loro la possibilità di scegliere, probabilmente condurrebbero tutte le loro relazioni online o per telefono”. “I ragazzi hanno bisogno di equilibrio, hanno bisogno di direzione, hanno bisogno di limitazioni, e dobbiamo iniziare da giovani perché quando entrano nell’adolescenza e si sforzano di raggiungere l’indipendenza, è molto difficile ridurre questo tempo online se non abbiamo stabilito presto queste limitazioni”.

Concludiamo parlando dell’escalation della violenza: Scott Moller della polizia ACT Policing dice che la violenza alimentata dai social media è aumentata negli ultimi cinque anni. Questa violenza alimentata dai social media è aumentata negli ultimi anni come detto prima, e “certamente, è una crescente preoccupazione per la polizia che sta vedendo aumentare questi casi a macchia d’olio, una cosa spaventosa che si è intensificata in questi anni”, ha detto il capo delle indagini criminali dell’ACT Policing, il sovrintendente Scott Moller. “Sono preoccupato per la rapidità con cui si intensifica e per la rapidità con cui va fuori controllo”. La velocità con cui la rabbia può degenerare e andare fuori controllo, non è qualcosa che sorprende Martin Fisk, che gestisce Menslink : un servizio di supporto per i giovani uomini.

“Questo programma ascolta e consiglia…alcuni frasi può comuni sono: “ mi ha mancato di rispetto online e ho intenzione di vendicarmi fisicamente, posso trovare dove vivono, posso trovare dove vanno a scuola”. Il signor Finks ha detto che l’obiettivo dei gruppi di sostegno come Menslink è quello di aiutare i giovani a vedere il mondo come è, non come appare dietro uno schermo. “Abbiamo davvero bisogno di lavorare con tutti i nostri giovani ,ma in particolare i ragazzi giovani , per mostrare loro che le interazioni umane valgono; che sono preziose e che le connessioni online non sono le stesse”. La polizia ha concluso inoltre che gran parte di questa responsabilità ricade sui genitori. “Sapete cosa fanno i vostri figli online, perché so che certamente i miei figli sono preoccupati per la loro privacy”, ha detto il sovrintendente Scott Moller. “Ma dovete essere persistenti e assicurarvi di sapere cosa stanno facendo e con chi stanno parlando”.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: