fbpx

 

Quando Google ha stanziato 1 miliardo di dollari attraverso il suo News Showcase per aiutare gli editori di notizie in difficoltà, si aspettava un applauso fragoroso. Quando questo non è arrivato, hanno pensato che i pagamenti avrebbero fatto sorridere gli editori. Invece, molti hanno brontolato e si sono lamentati degli avversari che hanno ottenuto di più. Ora la londinese Press Gazette, un pilastro del commercio giornalistico britannico, ha svelato una nuova indagine, che lancia nuove lamentele a Google. La storia di Press Gazette è sorprendente perché pochi dettagli sul News Showcase di Google sono stati rivelati finora. Questo silenzio dei media può essere dovuto agli accordi di riservatezza che Google aveva chiesto, dicendo agli editori di firmare o a un periodo di calma interna mentre le trattative procedevano.

Cosa è successo all’immagine di Google tra i giornalisti? Il gigante tecnologico di Mountain View, California, una volta aveva un semplice slogan non ufficiale “Don’t be evil” ed era lodato per i suoi strumenti intelligenti e le sue donazioni aziendali. Poi, l’azienda ha abbandonato lo slogan dal suo codice di condotta nel 2018, mentre la sua immagine è stata ripetutamente maltrattata da quando Hillary Clinton ha perso le elezioni presidenziali del 2016, cosa che alcuni giornalisti hanno imputato a “Big Tech”. Nel frattempo, per molti anni, editori e leader sindacali hanno incolpato “Internet” per il declino del business delle notizie in tutto il mondo industrializzato. Questi venti trasversali si sono uniti in un uragano anti-Google. In questa tempesta, Google ha cercato di calmare le acque. L’azienda ha annunciato News Showcase, uno sforzo per dare soldi e guidare il traffico ai punti vendita di notizie in difficoltà. Google lo ha salutato come il suo “singolo più grande investimento in partnership con le notizie” fino ad oggi, nell’ottobre 2020. Dal momento che i media avevano a lungo richiesto maggiori pagamenti da Google per le sue storie di notizie di lunga durata (che sono costose da fare), la società ha deciso di dare ai suoi critici ciò che avevano detto di volere. Una dichiarazione di Google ha descritto Showcase come “un programma di licenza per gli editori di notizie che fornisce uno spazio personalizzabile e curato per i contenuti di notizie in Google News e Discover. Questi non sono pagamenti per link, snippet, brevi estratti o titoli”.

Eppure la furia dei media non si è mai placata. Infatti, alcuni hanno cambiato lato. Durante il lancio di ottobre 2020 di News Showcase di Google, il caporedattore di Press Gazette Dominic Ponsford l’ha salutato come “un’ammissione che le piattaforme di media liberi come Google sono ora disposte a pagare per contenuti di qualità”. Ed adesso , il suo rapporto accusa News Showcase come ingiusto e ingeneroso. Press Gazette ha intervistato più di una dozzina di leader innominati dell’industria dei media di cinque paesi e ha fatto emergere una serie di lamentele, tra cui l’accusa principale che gli editori in Australia, dove la pressione politica e normativa è più alta per Google, stanno ricevendo pagamenti più grandi dei loro pari in Gran Bretagna, Canada o altrove.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: