fbpx

L’8 gennaio il presidente Donald Trump è stato cacciato dalla sua soapbox: ha perso il suo account Twitter. Dopo aver sospeso Trump per i video che lodavano i partecipanti alla rivolta in Campidoglio, Twitter ha concluso che i suoi successivi tweet potrebbero incitare alla violenza futura e lo ha definitivamente bandito. Anche Facebook, ha sospeso l’account del Presidente.

Queste azioni riflettono un importante cambiamento nel modo in cui le grandi piattaforme di social media gestiscono il discorso estremo. Hanno tollerato a lungo gli estremisti di destra e sono stati particolarmente attenti a Trump, concludendo che i suoi tweet e i suoi post, per tutte le sue palesi menzogne e prepotenze ; erano messaggi importanti da parte di un leader mondiale, e dovevano stare in piedi perché tutti nella nostra democrazia potessero vederli.

Ma nel corso del tempo sono state tracciate delle linee di demarcazione. Il teorico della cospirazione Alex Jones, nel 2018, ha contribuito ad avviare una migrazione dei social media di destra su piattaforme parallele che hanno incluso Parler e altri. È possibile che Trump, ora messo in disparte e silenzioso online, possa riemergere su un’altra piattaforma, rendendola più influente… e soggetta a un maggiore controllo pubblico.

Parler è ora offline perché Amazon ha rimosso i servizi di hosting, a causa delle preoccupazioni per i contenuti violenti non moderati. Ma l’incitamento alla violenza e all’odio, non sono le uniche ragioni per cui le piattaforme stanno eliminando i discorsi estremi. La scorsa primavera, abbiamo visto un’azione coordinata tra le principali piattaforme tecnologiche per rimuovere il video “Pandemico”, in cui uno scienziato screditato ha inveito contro Anthony Fauci, direttore dell’Istituto Nazionale di Allergie e Malattie Infettive, e ha messo in guardia dall’indossare la maschera.

Poiché la disinformazione nel video rischiava di esacerbare la pandemia di Covid, le piattaforme hanno rapidamente eliminato il video, limitandone la diffusione. Stiamo infatti assistendo a uno spostamento delle piattaforme dal loro precedente assolutismo del linguaggio libero, verso una comprensione della moderazione del discorso come una questione di salute e sicurezza pubblica: condividere la disinformazione sul Covid rende più difficile combattere la malattia; allo stesso modo, condividere la disinformazione sul voto indebolisce la nostra democrazia.

Sotto il paradigma del bene pubblico, ha molto più senso, che le piattaforme controllino il discorso in modo più deciso. Ma le azioni di Twitter e di altre aziende vengono falsamente etichettate come censura. Questo non è vero: Trump non viene censurato. Nessuna di queste piattaforme ha l’obbligo di fornire un forum a nessuno. Sono tutte aziende private con condizioni di servizio che gli utenti accettano.

Trump, come tutti gli altri su Twitter, ha accettato le sue regole, che includono il divieto di promuovere la violenza. Questo non ha nulla a che vedere con il Primo Emendamento, che si applica alle restrizioni governative sulla parola, non ai contratti tra aziende private e i loro utenti.

Inoltre, Trump ha ancora ampi poteri per comunicare. Ha un addetto stampa e una sala stampa all’interno della sua casa. Può parlare con i giornalisti… per non parlare del paese e del mondo intero, quando vuole lui . Non è un uomo che ha problemi a farsi ascoltare. Se Trump è determinato a parlare online, ha altre opzioni. Molti dei milioni di abbonati che Trump ha perso su Twitter, lo troverebbero probabilmente su una nuova piattaforma. E la stampa continuerà sicuramente a coprire le sue sfuriate in un nuovo spazio, anche se tutti noi potremmo trarre vantaggio dal fatto di prestare meno attenzione a Trump, una volta che lascerà la Casa Bianca.

Detto questo, il potere sul discorso di cui godono piattaforme come Facebook, Twitter e YouTube, è ancora profondamente problematico. La risposta, non è semplice come una maggiore regolamentazione, che sposta il controllo dai proprietari delle piattaforme, al governo. Un cambiamento molto migliore, sarebbe verso una nuova visione dei social media ; come infrastruttura pubblica costruita, posseduta e moderata dalle comunità. Questo è il modo in cui funziona il discorso nel mondo offline. Se dico qualcosa di violento o offensivo all’interno di un gruppo di amici, quel gruppo deve capire come rispondere: mi affrontano per farmi capire che un discorso del genere è inaccettabile? Mi cacciano dal gruppo? O decidono che è meglio ignorare o tollerare quello che dico?

Non sono discussioni facili, sul posto di lavoro, in chiesa o nelle organizzazioni della comunità, ma sono il fondamento della piccola “D” vita democratica. Le piattaforme ci hanno reso un vero e proprio cattivo servizio, togliendoci queste discussioni dalle mani e consegnandole ad algoritmi e moderatori a basso costo all’estero. Dobbiamo discutere di quale tipo di discorso pubblico e di comportamento accetteremo e di chi vogliamo essere come società. Una società che abbandona questa responsabilità, abdica a un aspetto chiave della piena cittadinanza. Gli eventi del 6 gennaio sono stati strazianti e scioccanti, se non sorprendenti. È comprensibile che molti stiano celebrando la messa a tacere dei social media di Trump.

La soddisfazione che la gente prova, è data dal vedere che le azioni, hanno delle conseguenze, cosa che purtroppo è più facile da dimostrare all’interno dell’America aziendale, che nelle sale di Washington. Se si teme che la rimozione di Trump da Twitter e Facebook rifletta il potere sproporzionato, che queste piattaforme hanno sulla vita pubblica, non ci si sbaglia. Abbiamo permesso che la nostra sfera pubblica fosse controllata da un piccolo numero di aziende private, e ora stiamo scoprendo quanto il discorso online possa essere vulnerabile. Il silenzio di Trump era giustificabile date le circostanze… un’insurrezione attiva stimolata dal presidente ; ma dovrebbe comunque portarci a una conversazione sostenuta, su come vogliamo che i nostri spazi pubblici digitali funzionino, e quali dovrebbero essere le regole.

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]
Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: