fbpx

 

Gli internauti attenti alla privacy avranno presto un’arma in più dalla loro parte. Non si può vedere in funzione, ma un segnale speciale noto come controllo globale della privacy dice a ogni sito web che si visita di non far passare i propri dati personali alle proprie spalle. Il controllo globale della privacy è già nascosto nel browser web Brave e nel componente aggiuntivo del browser DuckDuckGo. Presto, il browser Firefox lo aggiungerà. Gli utenti di Chrome, tuttavia, devono continuare ad aspettare. È un grosso problema perché chiedere ai siti web o alle app di non condividere o vendere le tue informazioni personali comporta la caccia attraverso i siti web delle aziende e la presentazione di una richiesta “non vendere” ad ogni singolo trasgressore. Se vivete in California, avete una certa protezione per i vostri dati secondo il California Consumer Privacy Act, e le aziende devono onorare queste richieste. Se vivete altrove, siete spesso sfortunati. Ma strumenti come GPC gettano le basi per una più facile gestione dei dati personali, dato che più stati considerano l’approvazione di leggi sulla privacy dei dati.

Tech Q&A con Patrick Marshall Firefox dice che sta per lanciare il segnale di controllo globale della privacy sul suo prodotto principale nei prossimi due o tre mesi, secondo il Chief Technology Officer Eric Rescorla. Firefox non ha adottato il segnale subito, aspettando di vedere che tipo di effetto avrebbe avuto per evitare di fare promesse sulla privacy che non reggono, ha detto Rescorla. Ma il nuovo controllo della privacy ha qualche dente, dicono i suoi creatori, e ha il potenziale per fare una vera differenza nella vostra privacy online, scegliendo di non condividere i dati prima che accada. La mossa di Firefox arriva dopo che il procuratore generale della California Rob Bonta ha chiarito a luglio che secondo la legge sulla privacy della California, le aziende devono trattare il segnale come qualsiasi altra richiesta di non vendita da parte dei consumatori.

La posizione di Bonta è significativa in quanto molte aziende hanno ignorato il segnale, rendendolo uno strumento meno efficace nonostante i suoi 40 milioni di utenti in tutto il mondo. L’applicazione è in corso, ha detto un rappresentante dell’ufficio della Bonta, e le aziende sono legalmente obbligate a onorare i segnali inviati dai consumatori californiani.

Cos’è quindi il controllo globale della privacy? Il controllo globale della privacy è un’impostazione del browser che notifica alle aziende le tue preferenze sulla privacy, come ad esempio se vuoi che le tue informazioni personali siano vendute o condivise, inviando un segnale ad ogni sito che visiti. Il GPC è uno sforzo collaborativo da parte di organizzazioni e difensori della privacy, tra cui la Electronic Frontier Foundation e Consumer Reports, ed è un successore dello sfortunato segnale “Do Not Track”, forse ricorderete quando è spuntato nei browser negli anni 2010, per poi svanire quando le aziende non sono riuscite a rispettarlo.

Ma il controllo globale della privacy ha la legge dalla sua parte, almeno in California. Il CCPA permette ai residenti della California di esternalizzare il “non vendere” e altre richieste di dati a qualcuno che comunica con le aziende per loro conto, o un agente autorizzato. Questo agente autorizzato non deve essere necessariamente una persona, può anche essere un pezzo di tecnologia. È qui che entra in gioco GPC. L’interesse diffuso per la privacy dei dati è aumentato negli ultimi anni quando sono venute alla luce le losche pratiche aziendali sui dati. Le aziende prendono i tuoi dati e li vendono, o li “condividono” in cambio di servizi, dice Don Marti, vice presidente delle innovazioni di ecosistema a CafeMedia, una società di gestione degli annunci e primo sostenitore di GPC.

“In passato la gente diceva: ‘Oh, ho ordinato qualcosa da un catalogo e poi ho iniziato a ricevere 50 cataloghi'”, ha detto Marti. Lo stesso vale oggi quando si ordina qualcosa da un sito web, ha spiegato: Presto, dozzine di altre aziende potrebbero mettere le mani sui vostri dati. Il tipo di condivisione dei dati che GPC affronta va oltre il web, ha detto Marti, quindi dovrebbe aiutare a ridurre la posta indesiderata, le chiamate e i fax. In teoria impedisce anche alle grandi aziende di dati come Facebook e Google di prendere i dati raccolti da un sito e usarli altrove, secondo Jason Kint, CEO di Digital Content Next, un’organizzazione commerciale per i creatori di contenuti digitali tra cui il Washington Post che sta contribuendo allo sviluppo di GPC. Questo non vuol dire che GPC è la soluzione di privacy che li domina tutti, ha detto Rescorla di Firefox. Lo strumento non impedisce la condivisione dei dati con i partner commerciali ufficiali che forniscono servizi come il rilevamento delle frodi o l’analisi del sito. E al momento, i californiani sono gli unici negli Stati Uniti con la garanzia che GPC conta come una richiesta ufficiale di opt-out sotto la legge sulla privacy del loro stato.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: