fbpx

 

 Sei cancellato. Non preoccuparti se non lo sei stato. Potresti esserlo da un giorno all’altro. Twitta il tweet sbagliato, condividi il meme sbagliato, premi il tasto “ridi” su un post di Facebook : tutto potrebbe farti cancellare dai social .  È la cosa più in voga in questi giorni: Un esercito di guerrieri della tastiera arrabbiati che attuano la giustizia dei social media in base alla gravità dei tuoi crimini di pensiero. Quello che inizialmente è iniziato come un hashtag su Twitter per scagliare ire e soprattutto l’ira contro le celebrità, si è evoluto in una crisi del woke che pullula di implicazioni nel mondo reale. Si tratta di un pubblico accanito che svergogna con tutti i sostenitori dietro, che agiscono come giudice, giuria e carnefice, chi ha semplicemente condiviso l’opinione “sbagliata”. Che è, ovviamente, un’opinione con la quale gli autoproclamati arbitri dei social media non sono d’accordo.

Poco più di un anno fa, in un gruppo Facebook che sostiene la comunità LGBTQ di Fairbanks, diversi membri hanno cercato di cancellare il presidente del locale PFLAG. PFLAG è un’organizzazione nazionale che sostiene la comunità LGBTQ. I crimini del presidente del capitolo locale? Ha votato per Donald Trump, quindi era un razzista e non poteva guidare il gruppo PFLAG locale. Il tentativo di ammonire pubblicamente il presidente del locale per la sua preferenza elettorale, non è andato in porto nonostante gli sforzi di coloro che erano convinti che fosse una minaccia perché aveva votato per Trump.  Il cyberbullismo al suo meglio…. Allo stesso modo, una pubblicazione settimanale di Anchorage sta stampando gli screenshot degli utenti dei social media che hanno premuto il tasto “ridi” sui post seri, un virtuale “Come osi ridere reagendo a questa cosa che io ritengo importante”. È una caccia alle streghe online e voi siete colpevoli, senza domande.

I sostenitori della cultura della cancellazione, dicono che non è il fattore principale, il gesto di cancellare, a ritenere le persone responsabili. Quindi in che modo si può fare uno screenshot della gente che ride per non poter creare una reazione controproducente e quindi rendere qualcuno responsabile? Non si deve fare nulla. Crea divisione. Gina Carano, già di “The Mandalorian” della Disney, ha perso il suo lavoro, perché ha twittato opinioni conservatrici con le quali i giovani utenti dei social media e la coscienza sociale si sono offesi. Anche la cantante pop Camila Cabello ha affrontato il contraccolpo online per i post razzisti su Tumbler, che ha fatto nel 2012, quando aveva 14 anni. Anche l’attore Chris Pratt, ha attirato il disprezzo di internet giusto perché frequenta una chiesa che prende una forte posizione anti-LGBTQ nella sua dottrina. Pratt ha risposto su Instagram, scrivendo: “Gesù ha detto, vi do un nuovo comando, amatevi gli uni gli altri. Questo è ciò che mi guida nella mia vita. Lui è un Dio di amore, accettazione e perdono. L’odio non ha posto nel mio o in questo mondo”. La posizione personale di Pratt non ha avuto importanza, tuttavia, poiché gli utenti dei social media avevano già lanciato l’attore nel ruolo di bigotto.

Anche l’ex presidente Barack Obama ha pesato, dicendo nel 2019: “Questa idea di purezza, che non sei mai compromesso, e sei politicamente sveglio, e tutta quella roba, dovresti superarla in fretta. … Il mondo è disordinato. Ci sono ambiguità. Le persone che fanno cose davvero buone hanno dei difetti”. Nel 2020, il Cato Institute ha scoperto che il 62% degli americani aveva paura di condividere le proprie opinioni politiche per paura del contraccolpo. È interessante notare che gli individui che si sono identificati come “liberali forti” si sono sentiti più a loro agio nel condividere le opinioni, il 58%. Un altro punto di dati da notare è che il 52% dei liberali, il 64% dei moderati e il 77% dei conservatori hanno detto di sentire il bisogno di autocensurarsi, per evitare che la loro attività online, generi un hashtag che chiede la loro estromissione.

Nello stesso momento in cui è uscito il sondaggio di Cato, Harper’s Magazine ha pubblicato una lettera firmata da 153 autori, scrittori e artisti che esprimono preoccupazione per l’effetto raggelante del movimento sul pensiero pubblico e sul dibattito. “Ma è ormai troppo comune sentire appelli per una punizione rapida e severa in risposta alle trasgressioni percepite di parola e di pensiero”, afferma la lettera.

Questa idea, che devi essere punito digitalmente per non condividere la stessa opinione o per condividere l’opinione sbagliata, non mostra segni di rallentamento.  In questo tentativo di creare un’utopia digitale, l’unica cosa che stiamo cancellando è la nostra unicità . E questa è la brutta realtà della cultura della cancellazione.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]
Open chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: